Economia

(ASI) Giungono previsioni di scenari economici che sarebbero considerate disfattismo puro da parte dei sacerdoti dell'ottimismo, se non fosse che a dichiararle sia una delle massime eccellenze in materia, ossia il noto economista americano Nouriel Roubini, colui che aveva previsto con largo anticipo la crisi del 2008.

(ASI) “Moody’s”, la più importante Agenzia di valutazioni economico-finanziarie internazionali, ha messo l’Italia sotto osservazione per un eventuale “revisione al ribasso” o “declassamento” dell’andamento macroeconomico.

(ASI) Secondo l'ultima indagine pubblicata dall'Istat nel mese di aprile 2011 si registra un aumento congiunturale dello 0,8% sia per l’export, sia per l’import. La crescita deriva dall’interscambio con i paesi extra Ue (+2,8% per l’export e +2,4% per l’import), mentre quello con i paesi Ue risulta in lieve flessione.

(ASI) secondo l'IStat nel 2010 si sono registrate complessivamente 817.963 compravendite di unità immobiliari, lo 0,5% in meno rispetto al 2009.

(ASI) Secondo l'Istututo nazionale di statistica ad aprile 2011 l’indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dell’1,0% rispetto a marzo. Nella media del trimestre febbraio-aprile l’indice è aumentato dell’1,1% rispetto al trimestre immediatamente precedente.

(ASI) Secondo quanto riportato dall'Istat, nel primo trimestre del 2011 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2000, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dell’1,0% nei confronti del primo trimestre del 2010.

(ASI) Stando all'ultima indagine dell'Istituto nazionale di statistica nel 2010 l’economia italiana ha fatto registrare una crescita del prodotto interno lordo (Pil) dell’1,3%, che fa seguito alle flessioni dei due anni precedenti (-1,3% nel 2008 e -5,2% nel 2009).

(ASI) Secondo l'ultima indagine dell'Istat, nel 2009 le imprese attive nell’industria e nei servizi sono poco meno di 4,5 milioni e occupano complessivamente circa 17,5 milioni di addetti. Il 95% delle imprese ha meno di 10 addetti e impiega il 47% dell’occupazione totale. Le imprese senza lavoratori dipendenti sono circa 3 milioni e corrispondono al 65,2% del totale delle imprese attive.

(ASI) Secondo l'Istituto nazionale di statistica nel mese di maggio, secondo le stime preliminari, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,1% rispetto al mese di aprile 2011 e del 2,6% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (lo stesso valore registrato ad aprile).

(ASI) L'Istat informa che ad aprile 2011 gli occupati sono 22.895 mila unità, in diminuzione dello 0,3% (-71 mila unità) rispetto a marzo, dopo il forte aumento del mese precedente. La flessione è dovuta sia alla componente maschile sia a quella femminile. Nel confronto con l’anno precedente l’occupazione è sostanzialmente stazionaria (-0,1%).

(ASI) Non si ferma la serie di dati negativi forniti dall'Istituto nazionale di statistica. Nonostante i leggeri miglioramenti rispetto al mese di marzo, la piaga della disoccupazione in Italia rimane una dell' emergenze sociali più marcate, soprattutto tra le frange più giovani della popolazione. Sono infatti più di 2 milioni i disoccupati registrati dall'Istat nel mese di aprile 2011.

(ASI) Alla fine di aprile 2011 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica corrispondono al 63,3% degli occupati dipendenti e al 58,5% del monte retributivo osservato.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.