(ASI) Dopo la bomba mediatica dei finanziamenti turchi all'Isis sotto forma di compravendita al mercato nero del petrolio estratto nei territori occupati dai fondamentalisti, si avvicina un nuovo scandalo con notizie ancora più sensazionali: agli acquirenti del petrolio insanguinato dell'Isis sarebbe da aggiungere anche Israele.

Le voci si rincorrono  sempre più insistentemente soprattutto negli ambienti della diplomazia europea. Si tratta di fonti confidenziali. Per il momento regna un'estrema prudenza, e nessuno vuole uscire allo scoperto con una notizia talmente clamorosa che, se dovesse essere confermata, potrebbe rimettere in discussione tante cose e verità ufficiali. Poichè è impensabile che lo facciano gli USA-UE, solo la Russia e la Cina possono fornire le eventuali prove attraverso le immagini satellitari. Un dato di fatto certo e incontrovertibile è il basso profilo militare mantenuto finora da Israele nei confronti dell'Isis e viceversa. E' estremamente facile che questa reciproca non-belligeranza dia origine a dubbi e sospetti.

Lucio Esposito - Napoli

===================

*ASI precisa: la pubblicazione delle lettere in redazione non significa necessariamente condivisione dei contenuti delle stesse, che lo ribadiamo: rappresentano pareri e posizioni esclusivamente personali,  per cui ASI declina ogni responsabilità.  Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento trattato e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.