(ASI) A poche ore dall'epocale referendum  sulla permanenza dei britannici nella UE arriva un'importante dichiarazione di Massimo D'Alema rilasciata al Corriere della Sera.              

L'ex  presidente del consiglio si pronuncia per il No per il Referendum del prossimo ottobre sulle riforme proposrte dal governo Renzi. In pratica quello di D'Alema è un messaggio ed un appello che sembrano andare oltre il bacino elettorale del Partito Democratico e della sinistra. Qualcuno vi ha colto un significato molto più ampio che coinvolgerebbe forza di un più vasto schieramento, quasi un rassemblement di tutti gli italiani, che senza distinzione di colore politico, si sentono accomunati dalla volontà di riformare radicalmente l'Europa dominata dai burocrati e banchieri, responsabili dell'a catastrofe economico-sociale. Se questa è l'interpretazione giusta, non resta che fare i migliori auguri a Massimo D'Alema.

Gildo Francesconi Torino

 

 

 

 

 

==============================================

* Nota, ASI precisa: la pubblicazione di un articolo nelle lettere in redazione  non ne significa necessariamente la condivisione dei contenuti. Essi - è bene ribadirlo -  rappresentano pareri, interprestazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Per quanto riguarda questo articolo, la responsabilità è di chi  ci ha fornito il contenuto.  Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento trattato e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione.