legasalvini(ASI) Le due iniziative giudiziarie prese simultaneamente contro la Lega ed il suo premier rischiano di danneggiare seriamente la tenuta del Governo del cambiamento formatosi dopo  le ultime elezioni politiche del 4 marzo.

Il sincronismo è quantomeno "singolare".  Infatti, mentre la formalizzazione dell'accusa di sequestro di persone di un Ministro del Governo (Salvini) è immediatamente susseguente alla recentissima nota vicenda della nave Diciotti, la questione dei fondi della Lega, contestati dalla Magistratura, era sul tavolo di giudici fin dal 2002. Ma si è deciso (per motivazioni insondabili?) di passare alla fase esecutiva solo nel 2018 , dopo un iter di ben 16 anni. E questo, per un gran numero di italiani, resta incomprensibile. E' difficile convincerli  che non si sia voluto dare una spallata all'Esecutivo e così favorire i partiti sconfitti nelle elezioni. Gli stessi partiti che godono tuttora della fiducia e dell'appoggio della Francia di Macron  e della Germania della Merkel, anche se il PD è fortemente lacerato da conflitti interni. E  tutto ciò  suscita non poca inquietudine. Tutti sapevano di una prossima forte offensiva della Sinistra contro il Governo. Renzi lo aveva anticipato, promettendo un settembre di fuoco con diverse iniziative. Il punto è che la Magistratura, per la sua natura istituzionale, dovrebbe fare  del tutto per non dare l'impressione di volere interferire con l'ambito politico. Purtroppo, la gente è portata a pensare diversamente. A torto? A ragione? Non spetta a noi dirlo.  Certo è che la Magistratura, come organo di autogoverno, si trova  in condizione d'inattaccabilità. Il Governo invece mostra tutta la sua fragilità,  nonostante il suo potere sia stato legittimato dalla maggioranza degli italiani attraverso procedure democratiche. Una riforma della Magistratura, come è noto, fu tentata dai Governi Berlusconi. Senza successo.

 

 

 

 

 

 

 

 

* Nota, ASI precisa: la pubblicazione di un articolo in tutte le sezioni del giornale  non ne significa necessariamente la condivisione dei contenuti. Essi - è bene ribadirlo -  rappresentano pareri, interprestazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, la responsabilità sono dell'autore  delle dichiarazioni  e/o  di chi  ci ha fornito il contenuto.  Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento trattato e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2018 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.