trumpTrump(ASI) Alta la tensione tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti. Il governo di Pyongyang è tornato a domandare, a quello di Washington, il ritiro immediato delle sanzioni adottate nei confronti della sua nazione.

La richiesta viene interpretata come la condizione fondamentale per poter proseguire i colloqui di pace iniziati nei mesi scorsi. Il ministro degli Esteri di Kim Jong Un ha preso di mira verbalmente quello di Donald Trump. Ri Yong - ho ha definito così Mike Pompeo nelle ultime ore “una tossina irriducibile”, da cui “non c’è da aspettarsi nulla di buono”, arrivando persino a minacciare l’apertura di possibili ostilità. “Siamo preparati sia per il dialogo, sia per lo scontro”, ha ammonito. I rapporti tra le due superpotenze si sono raffreddati a causa delle consuete manovre congiunte annuali, tra il Pentagono e la Sud Corea, a cui sono seguiti test di missili a breve gittata da parte del Nord. La Casa Bianca ha detto che non hanno rappresentato alcun pericolo, a differenza di Tokyo e Seoul che non hanno nascosto la loro profonda preoccupazione.

Marco Paganelli – Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2019 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.