(ASI) “Ritengo politicamente inopportuna la scelta di procedere alla fusione di Ferrovie dello Stato e di ANAS, asset strategici per il Paese, in un arco temporale in cui le Camere sono state prima impegnate ad esaminare l'annuale legge di bilancio, e soprattutto a conclusione della XVII Legislatura, dopo lo scioglimento delle stesse, ossia quando la loro capacità di controllo sugli atti del Governo è estremamente contenuta”. 

Lo dichiara con una nota il senatore Vincenzo Gibiino, capogruppo di Forza Italia in commissione Lavori Pubblici del Senato, primo firmatario dell’interrogazione presentata a Palazzo Madama.

“Il governo ci spieghi il senso di tanta fretta e rifletta sull’opportunità di rivedere tale scelta - prosegue Gibiino - e dica al tempo stesso quali siano stati i motivi che hanno spinto al rinnovo, per un ulteriore triennio, del CDA del Gruppo Ferrovie dello Stato, la cui scadenza naturale è prevista per il prossimo aprile 2018”.