(ASI) Roma -  "Anni fa gli imprenditori hanno messo mani su un patrimonio che lo Stato aveva costruito: dalla telefonia alle autostrade. Alla luce di quanto successo a Genova è ovvio pensare alla revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia". Così, in una nota, il senatore del Movimento 5 Stelle Gianluigi Paragone, della Commissione Industria di Palazzo Madama.

"Stupisce ritirare la concessione a una società, a cui lo Stato si era affidato, dopo il crollo di un ponte con la morte di 39 persone? - prosegue - Non si capisce perchè. E non si capisce perchè si polemizzi anche su un'altra questione fondamentale: la trasparenza. E' prioritario controllare i flussi di denaro, i finanziamenti che arrivano alla politica. Importantissima per questo sarà anche la commissione Banche proprio per controllare le restituzioni dei prestiti concessi per giocare la partita delle privatizzazioni. Chi è contrario alla trasparenza? Chi è contrario alla tutela dei cittadini italiani che non possono rischiare di morire attraversando un ponte? Oggi versiamo lacrime amare ed è un obbligo vigilare su quello che è accaduto nel passato, quando si sono costruite opacità che adesso purtroppo dobbiamo commentare".

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2016 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.