(ASI)Roma - "L'Europa delle lobby infligge una ferita mortale alla libertà di espressione e di informazione. Internet rischia di diventare l'esatto opposto di ciò che per cui è nato: da strumento di diffusione e condivisione a mannaia censoria.

Invece di renderla sempre più alla portata di tutti, specie delle fasce di popolazione più povere, chi entra in Rete rischia di entrare in gioielleria: dove anche solo linkare un indirizzo comporta un costo. Dunque, una brutta pagina per il Parlamento europeo, un presagio oscuro per la democrazia. Ma la storia ci insegna che è proprio nei momenti più bui che il popolo reagisce e la Lega sta interpretando sempre di più il suo sentimento". Così il vice capogruppo della Lega alla Camera, Alessandro Pagano.