(ASI) Roma – “Altro che rivoluzione, quella che stiamo vivendo è una vera e propria involuzione culturale ed economica, che desta molta preoccupazione. I dati diffusi dall’Istat sono davvero sconfortanti: meno 2,6% la produzione industriale, meno 19,4% il settore automotive.

Nel terzo trimestre 2018 anche il Pil scende a meno 0,1%...in compenso aumenta la pressione fiscale e la disoccupazione è ormai divenuta un tratto strutturale, che il Ministro del Lavoro pensa di contrastare elargendo inutili e dannosi oboli di Stato per pochi. L’assistenzialismo fine a se stesso, al posto di una politica industriale a beneficio di imprese e lavoratori. La decrescita infelice al posto degli investimenti e delle grandi opere. Il Governo Conte aveva promesso il cambiamento, sta guidando l’Italia verso la recessione”.

Lo dichiara la vice presidente del gruppo FI-Berlusconi Presidente della Camera, On. Catia Polidori.