(ASI) La partita si decide nell'ultimo quarto d'ora, quando il maggiore possesso palla del Teramo si concretizza, proprio nel momento migliore per il Chieti che stava attaccando, dopo aver giocato di rimessa tutta la prima frazione di gioco. Mister Di Meo, per il Chieti, conferma la formazione iniziale pronosticata fatta eccezione di Gaeta che a sorpresa siede in panchina ed entra solo l'ultimo quarto d'ora con la squadra già in svantaggio.Mister Vivarini, per il Teramo, schiera la mossa vincente Casolla, che porterà in vantaggio i biancorossi, e lascia in panchina Sassano e Petrella. Fischi del pubblico verso gli imbarazzanti guardialinee Abruzzese di Foggia e Prenna di Molfetta che sbagliano ripetutamente il fuorigioco. Segnali positivi dal Teramo apparso in grande forma. Il Chieti stenta, nonostante abbia un organico di buona qualità. C'è sicuramente qualcosa di rivedere sopratutto a centrocampo dove il gioco è troppo prevedibile e faraginoso. A tal proposito, la società neroverde ha annunciato in questi giorni il tesseramento del forte centrocampista Roberto Guitto, ex Empoli, Ravenna e Sorrento.

 

LA CRONACA

1° Tempo

Parte subito forte il Teramo che sfrutta il fattore campo e una migliore lucidità forse frutto di una migliore condizione atletica e già al 14' con Gregorio mette in mezzo un pallone che Robertiello blocca a terra. Due minuti dopo, al 16' il numero 10 del Teramo, Dimas, cade in area abbracciato dai difensori neroverdi, ma l'arbitro fa cenno di rialzarsi. Al 18' si fa avanti anche il Chieti con Berardino che impegna Serraiocco in presa bassa. Sul capovolgimento di fronte, il Teramo "rischia" di passare in vantaggio con Robertiello che respinge miracolosamente in due tempi prima su Bernardo e poi su Pacini. Il Teramo continua il suo forcing offensivo e il Chieti riparte in contropiede e si rende pericoloso quando arriva in area di rigore: al 23' il teatino De Stefano cicca e sciupa la possibilità di girare a rete; al 29' invece è Guidone che viene anticipato di testa dal teramano Speranza in piena area. Al 36' goffa uscita del centrale del Chieti, Dascoli, che svirgola clamorosamente in angolo un pallone facile da controllare. Si va a riposo dopo un minuto di recupero con le squadre ferme in parità sullo 0-0 con sterile superiorità teramana.

2° Tempo

Si rientra in campo nella ripresa con le stesse squadre del primo tempo e il Chieti appare più vivace, ma senza idee di gioco. Al 9', brivido per il Teramo che rischia di essere punito, il teatino Dascoli, in area del Teramo schiaccia di testa la palla che finisce ad un soffio dalla rete difesa da Serraiocco. Al 11' risponde il Teramo con un missile dalla trequarti del centravanti Bernardo che il portiere teatino intercetta. Su contropiede al 16', Berardino in contropiede, tira fuori non servendo Guidone smarcato. Al 25', bolide da fuori area di Lulli che sfiora il palo destro di Robertiello. AL 27' il Teramo in vantaggio con Casolla che si arrampica in Tribuna per festeggiare e viene anche ammonito per l'esultanza. Al 32' il subentrato Petrella cerca di sorprendere Robertiello con un pallonetto da fuori. I neroverdi cercano di pareggiare con Elia che al 42' sferra una bomba da fuori che però si alza troppo. Al 43' Bernardo prende il palo a Robertiello battuto in piena area di rigore, strozzando l'urlo del goal al pubblico locale. Al 45' goal di Pacini che chiude la partita, scartando in velocità il portiere neroverde uscito dalla porta. Gli ultimi cinque minuti del recupero sono solo per festeggiare la vittoria teramana del derby.

 

TERAMO – CHIETI 2-0

Stadio Comunale di Piano D'Accio

20 Ottobre 2013

Seconda Divisine G.B 2013-2014

 

Tabellino

Teramo (4-2-3-1): Serraiocco; Scipioni, Caidi, Speranza, Gregorio; Lulli, Pacini; Casolla (29' st Petrella), Dimas (29' st Patierno), Di Paolantonio (17'st Sassano); Bernardo. A disp. Narduzzo, Arcuri, Cenciarelli, Gaeta M. All. Vivarini.

Chieti (4-3-3): Robertiello; Bagaglini, Terrenzio, Dascoli, Turi (32'st Gaeta A.); De Giorgi, Berardino, Di Filippo; De Stefano (14'st Rossi), Guidone (32'st Elia), Cinque. A disp. Gallinetta, Perfetti, Di Properzio, Guitto. All. Di Meo.

Reti: 27st' Casolla, 45st ' Pacini Recupero: 1' pt - 5' st.

Arbitro: Verdenelli di Foligno Assistenti: Abruzzese di Foggia e Prenna di Molfetta

Ammoniti: Scipioni, Casolla (T), Bagaglini, Terrenzio, Turi, Di Filippo, De Giorgi

Spettatori: 700 circa. Partita vietata agli ultras teatini.

Cristiano Vignali – Agenzia Stampa Italia