Convegno. “La Prima guerra mondiale, gli arditi e Vittorio Veneto tra memoria e storia”. Interviste

LazioNapoli copy(ASI) Napoli – Il Napoli del nuovo corso Ancelotti inizia come meglio non poteva la nuova stagione. Vittoria esterna all’Olimpico di Roma contro una Lazio che si candida tra le outsider del campionato.


Ancelotti schiera Hamsik in cabina di regia, con Allan e Zielinski ai lati a far da diga alla difesa azzurra e a fare da incipit alle folate offensive del tridente di attacco formato da Callejon, Milik ed Insigne. Non è più il Napoli di Sarri e si vede. Partenopei che lasciano il pallino del gioco ai biancocelesti e sembrano voler giocare di rimessa dando sfogo alla manovra degli uomini di Inzaghi che in avanti si affida al tandem Immobile-Luis Felipe.
Primo tempo- Prima mezz’ora di gioco povera di emozioni. Gli azzurri di Ancelotti ancora sulle gambe e guardinghi a difesa della propria trequarti ad attendere una Lazio volenterosa e propositiva. La prima azione pericolosa la crea il Napoli al 19’ con un tiro a giro di Zielinski che, da fuori area, manda di poco alla destra dell’estremo difensore biancoceleste Strakosha. Al 23’ arriva il primo pericolo per il Napoli. Azione dalla destra della Lazio palla al centro di poco fuori area per Luis Aberto che con un piattone destro poco convinto manda di molto al lato alla destra della porta difesa da Karnezis. Al 25’ Lazio in vantaggio. Immobile, raccogliendo un cross da metà campo, con uno stop a seguire si porta la palla sul piede sinistro mettendo fuori dai giochi l’intera retroguardia azzurra composta nell’occasione da Mario Rui, Koulibaly e Albiol. A questo punto viene fuori il Napoli. Ci pensa prima Insigne al 36’ che, entrato in area di rigore, tutto solo in posizione difilata, tenta il tiro a giro che finisce fuori alla sinistra di Strakosha. Al 39’ è la volta di Zielinski che girandosi in posizione centrale, poco fuori dall’area di rigore, con un lob maligno, batte Strakosha ma la palla centra in pieno la traversa e con la difesa della Lazio con libera. Al 41’ il Napoli va in gol con Milik che sfrutta una ribattuta corta di strakosha su tiro di Albiol. Banti prima convalida e poi, richiamato dal Var, annulla la rete del polacco per fallo di Koulibaly su Radu in occasione dell’azione del gol. Ma il pareggio è solo rinviato. E’ sempre Milik che al 47’, in pieno recupero, sfrutta un assist di Callejon su dormita della difesa della Lazio. Lo spagnolo pennella al centro dalla destra e trova l’attaccante polacco che di piatto destro beffa l’estremo difensore biancoceleste, questa volta incolpevole.
Secondo tempo – La seconda frazione di gioco è all’insegna del redivivo Napoli che apre come aveva chiuso gli ultimi venti minuti della prima frazione. Azzurri che già al 48’ con il solito Milik si rendono pericolsi. L’attaccante polacco calcia a lato un tiro potente da fuori area che termina altro alla destra di Strakosha. Al 54’ è la Lazio in una delle rare folate offensive della ripresa a rendersi pericolosa con Ciro Immobile il quale raccoglie da posizione defilata e sottoporta un cross dalla sinistra con un piatto sinistro che termina al lato. Ma al 59’ il Napoli porta a compimento la rimonta con Insigne che raccoglie un cross dalla destra di Hysaj e con un sinistro a giro sul secondo palo supera Strakosha.
Sulle ali dell’entusiasmo il Napoli va in controllo rischiando solo in due occasioni. Al 74’ Karnezis fa il miracolo su tiro ravvicinato di Luis Alberto. Il portiere azzurro, ex Udineze, ci mette la manona destra e manda la palla sopra la traversa. Al 90’ è la Lazio a pareggiare i conti con la dea bendata. E’ Acerbi a centrare la traversa in una incursione del difensore laziale in area partenopea. Il match si chiude con il Napoli ancora pericolo con Milik che appostato sul secondo palo raccoglie un crossa rasoterra dalla destra di Callejon ma la difesa della Lazio fa muro.
L’esordio stagionale si chiude con una preziosa vittoria in trasferta su un campo difficile che dà morale a squadra e tifosi, reduci da un campionato non del tutto positivo, da un mercato non sfavillante e da un cambio di guida tecnica che non lasciava immaginare un avvio sprint come quello di stasera.

Napoli (4-3-3): Karnezis 6,5; Hysaj 6,5; Albiol 6; Koulibaly 6,5; Mario Rui 6; Allan 7; Hamsik 5,5( 70’ Diawara 6); Zielinski 6 (85’ Rog s.v.); Callejon 6,5; Milik 7; Insigne 7 (76’ Mertens s.v.). All. Carlo Ancelotti 7
Lazio (3-5-2): Strakosha 5,5; Ramos 5,5 (46’ Bastos 6); Acerbi 6,5; Radu 6; Marusic 5,5; Parolo 5,5 (88’ Cataldi s.v.); Badelj 5,5 (68’ Correa 5,5); Milinkovic 5,5; Caceres 6; Luis Alberto 6; Immobile 6,5. All. Simone Inzaghi 5,5

Arbitro: Luca Banti (sez. Livorno) 6
Assistenti di Linea: Manganelli e Valeriani
Quarto uomo: Manganiello
V.A.R.: Rocchi- Di Liberatore
Marcatori: 25’ p.t. Immobile (L); 47’ p.t. Milik (N);
Ammoniti: nessuno
Espulsi: nessuno
Recupero: 3’ p.t.; 4’ s.t.
Spettatori: 30.000 circa

Fernando Cerrato -Agenzia Stampa Italia

 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2018 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.